Immobili ed eredità: come si dividono adesso per evitare guai con Fisco e coeredi

Hai una casa ereditata che devi dividere con gli altri eredi? Ecco come non sbagliare niente e non avere problemi con il Fisco.

Ricevere una casa in eredità può essere una buona notizia in giorni di dolore, difficili. Nella maggior parte dei casi, infatti, questo accade alla morte di uno o entrambi i genitori. In un momento complicato, a cui nessuno mai è preparato davvero, ci si ritrova anche a dover sbrigare questioni pratiche, burocratiche ed economica. Una di queste è la divisione degli immobili ereditati tra i fratelli o comunque tra i co-eredi. Le cose si complicano anche perché spesso questo è motivo di litigi, astio e divisioni nelle famiglie.

Come dividere l'eredità della casa
Dividi gli immobili ereditati per non avere problemi con il Fisco – (Notiziapolitica.it)

Dover aver a che fare con questioni di soldi in un momento delicato può essere la scintilla per una guerra infinita nelle famiglie, anche le più legate. Ed è davvero un peccato litigare e rischiare di non parlarsi più per questo motivo. Allo stesso modo non è certo piacevole scoprire, anni dopo, di aver problemi con il Fisco perché non ci si è informati bene sul da farsi. Allora come si fa per dividere l’immobile tra gli eredi? 

Dividi l’immobile ereditato tra fratelli e co-eredi: come farlo senza problemi con il Fisco

Ci sono tre modi in cui i co-eredi possono spartirsi l’immobile ereditato. Tre tipologie diverse di eredità che hanno modalità ed esiti molto differenti e solo alcune di queste sono davvero utili per soddisfare le esigenze di tutti ed evitare litigi e resistenze inutili.

Come dividere l'eredità della casa
Eredità, immobili e coeredi – (Notiziapolitica.it)

La comunione forzosa non giova a nessuno: si tratta della divisione delle quote dell’immobile in parti uguali. Ma questo non permette di usufruire e disporre della casa di come si vuole, se si hanno ottimi rapporti con i co-eredi e non c’è rischio di litigare, non è una scelta consigliabile.

La comunione ereditaria è una delle motivazioni più frequenti di astio e litigate: questo perché sta ai co-eredi disporre dell’immobile e dividerlo a proprio piacimento tra tutti coloro a cui spetta. Non è sempre facile trovare accordi che soddisfino tutti quanti. Infine, se nessun accordo pacifico è possibile, si ricorre alla divisione giudiziale, che arriva dopo una sentenza di un giudice e dunque costa fatica, tempo e denaro a tutti gli interessati. Il modo migliore sarebbe evitare di arrivare a questo punto e trovare un comune accordo tra le parti.

Impostazioni privacy